Inaugurato Epilmeno, il nuovo progetto realizzato da Michele Citro

hs1b9289

Grande successo per l’inaugurazione a Cava de’Tirreni di Epilmeno, centro estetico che propone un nuovo format  dell’epilazione laser definitiva. Un lavoro di squadra che premia l’ultima creazione di Michele Citro

Inaugurato il 26 novembre a Cava de’Tirreni  Epilmeno, il centro estetico  sull’epilazione progressiva, voluto dalla beauty specialist Margherita Siani, che per l’occasione si è affidata, per la progettazione e l’arredo del centro, alla professionalità dell’architetto Michele Citro.

A celebrare l’evento, oltre alla partecipazione del Sindaco della città di Cava de’Tirreni, Servalli, si annovera la presenza di Melita Toniolo, nota per la sua partecipazione al Grande Fratello e per le sue forme spettacolari, e l’intervento telefonico di Alessandro Cecchi Paone. Il noto presentatore e giornalista ha evidenziato il ruolo determinante della tecnologia nel settore estetico e la estrema funzionalità del centro, elogiandone la cura per i dettagli e la qualità delle attrezzature.

Michele Citro ha, infatti, ideato una struttura funzionale alle esigenze del cliente e al personale che vi opera. L’arredamento in legno, la linearità degli arredi, i colori caldi, i giochi di luce conferiscono professionalità e solidità al beauty center. Un progetto su misura, il cui punto forte sono le cabine estetiche. Leader indiscusso è il carrello multifunzione, in grado di ottimizzare gli spazi e rendere agevole gli spostamenti degli operatori.

Un progetto, quello di Epilmeno, che ben sintetizza tutti i servizi che l’Architetto Michele Citro è in grado di offrire, dall’ideazione del marchio, alla progettazione degli spazi e gli arredi interni. Un format funzionale e di alto valore estetico, facilmente replicabile in altre ipotetiche sedi del brand.

Avanguardia estetica e tecnologica, raffinatezza e design, funzionalità ed efficienza si sposano in un progetto unico, nato da due menti eclettiche, quella di Michele Citro e di Margherita  Siani, dando origine ad un capolavoro “estetico”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *